Presse piegatrici: l’occasione dell’usato

Presse piegatrici: l’occasione dell’usato

Se molte aziende scelgono di affidarsi al mercato dell’usato è perché c’è più di un vantaggio nell’acquistare un macchinario industriale di seconda mano. Molte piattaforme offrono macchinari da insolvenze, liquidazioni aziendali, chiusure o ristrutturazioni a prezzi estremamente competitivi. Risulta semplice, dunque, trovare delle buone presse piegatrici usate ad ottimi prezzi.

Ma come orientarsi tra gli annunci di vendita e quali sono i parametri di cui tenere conto nella scelta?

Come scegliere una pressa piegatrice

Anche se il principio di funzionamento di una pressa piegatrice è piuttosto basilare, si presta ad una molteplicità di usi e personalizzazioni. La grande varietà di lunghezze, forme e spessori delle lamiere consente di regolare le dimensioni, il tonnellaggio e l’utilizzo dei vari utensili. Le caratteristiche del punzone e della matrice determina anche il materiale da piegare e il suo spessore. In base alla potenza e alle dimensioni del macchinario è possibile lavorare la lamiera in base a diversi spessori. 

Per questi motivi è necessario trovare una macchina capace di svolgere perfettamente il proprio lavoro in base a determinate esigenze produttive. Oltre alle presse piegatrici tradizionali, molto diffuse sono quelle sincronizzate con controllo numerico (dette CNC), idrauliche o elettriche. Nel caso delle presse piegatrici programmabili, il controllo numerico è diretto da un computer esterno (CNC). I vantaggi delle presse CNC su quelle manuali sono i tempi di lavoro molto ridotti e la precisa ripetibilità della lavorazione, che permette di abbassare molto i costi unitari e ottenere una qualità superiore e uniforme. Dunque, sono fortemente preferibili per la produzione di massa.

I vantaggi dell’usato

Quando i produttori hanno la necessità di trovare modi per innovare e massimizzare la redditività; ridurre i costi di acquisto di attrezzature e macchinari è una voce fondamentale. Una strategia che i produttori possono utilizzare è quella di prendere in considerazione l’acquisto di apparecchiature usate da aste e annunci online. Perché spesso l’usato è preferibile?

Convenienza e costi ridotti

L’acquisto di una pressa piegatrice usata è significativamente meno costoso rispetto all’acquisto di una nuova controparte. In genere, la differenziazione di prezzo tra un modello nuovo e un’alternativa usata può variare dal 30% al 70%. Sul prezzo influisce non solo la qualità della pressa, e dunque il marchio, ma anche le sue condizioni.

Minore svalutazione

Le presse piegatrici industriali si deprezzano a un tasso notevolmente inferiore rispetto alle macchine nuove. Di conseguenza, acquistare un macchinario usato ti permette di rivendere la pressa in un secondo momento senza subire perdite significative di valore. Per questo motivo, molti produttori preferiscono acquistare il proprio inventario da aste e liquidazioni.

Tempi di consegna ridotti

Poiché le presse piegatrici usate sono generalmente disponibili immediatamente, entrarne in possesso è molto più rapido di quanto potrebbe essere col nuovo. Ciò è dovuto ai lunghi tempi di produzione e consegna per le nuove apparecchiature, che in genere vanno dai tre ai sei mesi.

Al contrario, dall’acquisto all’installazione, i tempi di consegna per le presse industriali usate si riducono di poche settimane. Su Mach-Trade puoi trovare delle presse piegatrici usate in pronta consegna, oppure richiedere la migliore soluzione per la tua produzione, con una vasta scelta tra i migliori marchi e modelli del settore.